MCB e MCCB sono dispositivi di protezione comuni utilizzati nei sistemi di distribuzione elettrica a bassa tensione, ma in cosa si differenziano? Questo post su MCB e MCCB intende rispondere a questa domanda in modo più dettagliato. Confronterà gli interruttori MCB e MCCB, esaminandone il funzionamento e le differenze. Tra gli argomenti trattati vi sono:

  • Che cos'è l'MCB e l'MCB completo
  • Cos'è l'MCB e il suo funzionamento
  • Che cos'è l'MCCB e la sua funzione
  • Le principali differenze tra un MCB e un MCCB
  • Come vengono utilizzati gli MCB e gli MCCB

Cosa sono gli MCB e gli MCCB?

Sia gli MCB che gli MCCB sono interruttori automatici. L'interruttore automatico è un dispositivo di sicurezza che interrompe il flusso di elettricità in un circuito. circuito elettrico in caso di sovraccarico o cortocircuito.

Per capire la differenza tra gli interruttori MCB e MCCB, è necessario innanzitutto vedere cosa significano le sigle MCB e MCCB. In seguito, esamineremo la funzione che ciascun dispositivo svolge in un circuito elettrico e il suo funzionamento.

La forma completa di MCB nella terminologia elettrica è un interruttore automatico. La forma completa di MCCB, invece, è un interruttore automatico a cassa stampata. Come suggeriscono i loro nomi, questi due dispositivi sono utilizzati per interrompere i circuiti elettrici.

Principio di funzionamento degli MCB

Il principio di funzionamento dell'MCB è molto semplice. Si tratta di un interruttore azionato elettricamente che interrompe automaticamente il circuito quando la corrente che lo attraversa supera un determinato valore predefinito.

Per svolgere la sua funzione, l'MCB utilizza un meccanismo di intervento composto da un striscia bimetallica, solenoideo, nella maggior parte dei casi, entrambi. Durante un evento di guasto, come una sovracorrente, il meccanismo di intervento dell'MCB apre i contatti, interrompendo così il circuito.

Principio di funzionamento dell'MCCB

Il principio di funzionamento di un MCCB è simile a quello di un MCB. In effetti, un MCCB può essere definito un mini-interruttore avanzato. Entrambi i dispositivi aprono un circuito elettrico quando la corrente che li attraversa supera un determinato valore preimpostato o quando l'utente li aziona manualmente.

In caso di sovracorrente, la striscia bimetallica dell'MCCB si riscalda mentre la bobina elettromagnetica produce una flusso magnetico dalla corrente in eccesso. Questi eventi azionano il meccanismo di sgancio che apre i contatti, interrompendo così il circuito.

Parti interne dell'MCB
Parti interne dell'MCB
Risorsa: https://www.youtube.com/watch?v=-Et8EMZeLiA

Interruttore MCB VS MCCB

Abbiamo già parlato del funzionamento di ciascuno di essi, ma qual è la differenza tra gli interruttori MCB e MCCB? Sebbene entrambi gli interruttori svolgano funzioni quasi simili, vi sono alcune differenze notevoli: Le principali differenze tra MCB e MCCB sono illustrate di seguito.

MCB vs. MCCB: corrente nominale di interruzione

I valori nominali di MCB e MCCB per le correnti di interruzione differiscono notevolmente. Un MCB può interrompere correnti fino a 1800A, mentre un MCCB può interrompere correnti fino a 200kA.

Ciò significa che gli MCCB sono più adatti per l'uso in applicazioni pesanti, come quelle che coinvolgono carichi più elevati. Un interruttore MCB, invece, è più adatto per applicazioni domestiche e commerciali leggere.

MCB vs. MCCB: corrente nominale massima

Un'altra differenza tra gli interruttori MCB e MCCB è la loro corrente massima nominale. Un MCB può gestire una corrente massima di 100A, mentre un MCCB può gestire correnti fino a 200A.

Pertanto, è possibile utilizzare un MCCB per applicazioni che richiedono correnti più elevate di quelle che un MCB può gestire. Tra queste, le applicazioni industriali per impieghi gravosi che coinvolgono apparecchiature di grandi dimensioni come pompe, compressori e motori.

MCB vs. MCCB: caratteristiche di intervento

Anche le caratteristiche di intervento di un MCB e di un MCCB sono diverse. Un interruttore automatico in miniatura non consente di variare il circuito di intervento per carichi e correnti diversi. Questo è invece possibile con un MCCB.

In altre parole, è possibile utilizzare un interruttore automatico per adattare le caratteristiche di intervento dell'interruttore alle esigenze specifiche dell'applicazione. Questa flessibilità non è in genere disponibile con un MCB.

MCB vs. MCCB: Dimensione

Una delle differenze più evidenti tra MCB e MCCB è la dimensione. Come abbiamo visto, un MCB è più piccolo rispetto a un MCCB. Le dimensioni ridotte degli MCB li rendono più adatti alle applicazioni domestiche e commerciali di piccole dimensioni.

Gli MCCB, invece, hanno dimensioni maggiori. Le dimensioni maggiori degli MCCB li rendono più adatti alle applicazioni commerciali di medie e grandi dimensioni e alle industrie pesanti.

MCB vs. MCCB: prezzo

Un'altra differenza tra MCB e MCCB riguarda i prezzi. Gli MCB sono meno costosi rispetto agli MCCB. Ciò è dovuto al fatto che gli MCB hanno dimensioni più ridotte e meno funzioni rispetto agli MCCB.

Gli MCCB, invece, sono più costosi rispetto agli MCB. Ciò è dovuto al fatto che gli MCCB hanno dimensioni maggiori e più funzioni rispetto agli MCB.

Queste sono le principali differenze tra MCB e MCCB. Gli elettricisti devono tenere conto di queste differenze al momento della scelta degli interruttori o di un sistema elettrico non funzionerà correttamente. Ma quando scegliere l'uno piuttosto che l'altro?

MCB su scatola di distribuzione elettrica
MCB su scatola di distribuzione elettrica
Risorsa: https://www.youtube.com/watch?v=4JPapPYk8Bw

MCB o MCCB

Ora che abbiamo visto la differenza tra interruttori MCB e MCCB, rispondiamo alla domanda: quale utilizzare, un MCB o un MCCB?

La risposta a questa domanda dipende dall'applicazione. Come abbiamo visto, sia gli interruttori miniaturizzati che quelli scatolati sono progettati per i sistemi a bassa tensione. Tuttavia, possono essere utilizzati solo in applicazioni diverse.

Applicazione MCB

Alcuni degli usi più adatti dei dispositivi di interruzione miniaturizzati (MCB) sono le abitazioni, gli uffici, gli edifici commerciali e persino gli impianti dell'industria leggera con correnti e tensioni ridotte.

In queste situazioni, l'interruttore miniaturizzato proteggerà il sistema da sovraccarichi e cortocircuiti. Un interruttore magnetotermico è quindi una buona scelta per proteggere il controllo. pannelli e quadri di distribuzione.

Applicazione MCCB

D'altra parte, gli interruttori scatolati (MCCB) sono più adatti per l'uso nelle industrie pesanti, dove sono presenti correnti e carichi elevati. Si tratta di situazioni che richiedono un'elevata capacità di interruzione.

Alcune delle applicazioni adatte per gli MCCB includono ospedali, centri dati e altri edifici commerciali simili in cui viene consumata molta energia.

Gli MCCB sono anche una buona scelta per proteggere generatori, trasformatori e motori da sovraccarichi e cortocircuiti.

Conclusione

In conclusione, la differenza principale tra gli interruttori MCB e MCCB è che gli MCB sono progettati per applicazioni a bassa corrente, mentre gli MCCB sono destinati ad applicazioni ad alta corrente o ad alto carico. Un MCB è una buona scelta per proteggere case, uffici ed edifici commerciali da sovraccarichi e cortocircuiti. D'altra parte, un MCCB è una scelta migliore per l'uso nelle industrie pesanti, dove ci sono correnti e carichi elevati.

Catalogo degli interruttori automatici di trasferimento IGOYE
it_ITItaliano