Quali sono i diversi tipi di curve di intervento degli MCB?

Illustrazione dei diversi tipi di curve di intervento degli MCB
Illustrazione dei diversi tipi di curve di intervento degli MCB
Risorsa: https://www.youtube.com/watch?v=AWEbeyuqrRw

Le curve di intervento di un interruttore automatico o MCB sono una delle caratteristiche più importanti di un MCB. Esse definiscono la corrente di funzionamento e il tempo di ritardo al quale l'interruttore MCB aprirà i contatti e interromperà il circuito. Questo, a sua volta, fornisce agli acquirenti un'indicazione del livello di protezione offerto da un MCB. Per maggiori informazioni sui tipi di curve degli MCB e sul loro significato, leggete qui.

Spiegazione delle curve di intervento degli MCB

Il funzionamento dell'MCB si basa su due funzioni: sovraccarico e cortocircuito protezione. L'MCB interviene quando viene attivata una di queste funzioni, di solito dopo un determinato periodo di tempo.

Questi due parametri possono essere rappresentati su un grafico in cui l'asse delle ascisse è la corrente (in ampere) e l'asse delle ordinate è il tempo (in secondi). Questo grafico è comunemente chiamato curva di intervento dell'MCB o grafico del tempo di corrente dell'MCB.

Le due funzioni di protezione sono solitamente indicate come linee separate sul grafico. La parte superiore del grafico è dedicata alla protezione da sovraccarico, mentre quella inferiore rappresenta la protezione da cortocircuito.

Poiché la protezione da sovraccarico viene normalmente rilevata dall'elemento termico dell'MCB, questa sezione della curva viene talvolta chiamata curva "termica".

La protezione da cortocircuito MCB, invece, si basa solitamente su principi magnetici ed è quindi nota anche come curva "magnetica".

Tipi di curve MCB

tipi di MCB
Tipi di curve MCB
Risorse: https://youtu.be/6AFrt6Tcq5g

 

Le curve di intervento degli MCB sono definite dalle norme IEC. Il codice della curva MCB, invece, si basa sulle lettere dell'alfabeto. I tipi di curva MCB più comuni sono B, C e D. Altre curve MCB meno frequenti sono i tipi K e Z.

Curva MCB di tipo B

La curva di intervento dell'MCB di tipo B è la più comune. È caratterizzata da una risposta rapida alle condizioni di cortocircuito. Il tempo di ritardo per il cortocircuito è solitamente di circa 0,04 secondi e interviene per correnti comprese tra 3 e 5 volte la corrente nominale.

La curva MCB di tipo B è la più adatta per la maggior parte delle applicazioni domestiche e commerciali leggere in cui il correnti di spunto non sono troppo alti. Si tratta di illuminazione, piccoli motori e carichi simili, ma soprattutto per la protezione dei cavi.

Curva MCB di tipo C

La curva dell'MCB di tipo C è caratterizzata da una risposta un po' più lenta alle correnti di cortocircuito rispetto alla curva di tipo B. Oltre al ritardo più lungo, la curva C indica anche una maggiore capacità di sovracorrenti, di solito 5-10 volte la corrente nominale massima.

La curva di intervento dell'MCB di tipo C è quindi più adatta alle installazioni con correnti di spunto relativamente elevate, come i motori. Si tratta di pompe, condizionatori d'aria e carichi simili.

Curva MCB di tipo D

La curva dell'MCB di tipo D ha la risposta più lenta alla sovracorrente. Gli interruttori miniaturizzati con questa caratteristica di intervento scattano a 10-20 volte la corrente nominale dell'interruttore.

La curva di intervento dell'MCB di tipo D viene utilizzata nelle installazioni con le correnti di spunto più elevate, come quelle prodotte da motori molto grandi. Si tratta di gru, ascensori e altri carichi che producono una corrente di spunto all'avvio.

Curva MCB tipo K

Questi tipi di curve MCB rappresentano caratteristiche di intervento che fanno scattare il dispositivo con una corrente da 10 a 14 volte superiore alla corrente nominale.

Proprio come la curva dell'MCB di tipo D, la curva dell'MCB di tipo K è utilizzata soprattutto per le apparecchiature industriali pesanti che causano elevate correnti di spunto.

Curva MCB di tipo Z

La curva dell'MCB di tipo Z offre un intervento caratterizzato da un'elevata sensibilità alle situazioni di sovracorrente. Di conseguenza, scegliendo questo tipo di curva di interruttore automatico miniaturizzato si ottiene un dispositivo che può essere utilizzato con circuiti delicati, come quelli utilizzati per i computer e altri dispositivi di sicurezza. a semiconduttore attrezzature.

Gli interruttori progettati per utilizzare la curva MCB di tipo Z scattano a correnti comprese tra 2 e 3 volte la loro corrente nominale. Come si può notare, questo valore è molto più basso rispetto agli altri tipi di curva MCB menzionati.

Selezione della curva MCB

Selezione della curva MCB
Selezione della curva MCB
Risorse: https://youtu.be/BxKAuJzaG6g

Con la grande quantità di interruttori miniaturizzati prodotti oggi, la corretta selezione della curva dell'MCB è un passo fondamentale per chiunque scelga un interruttore per la propria applicazione. Una scelta sbagliata potrebbe portare a uno dei seguenti scenari:

  • L'interruttore automatico scatta troppo frequentemente, interrompendo l'alimentazione del carico e causando tempi di inattività.
  • L'interruttore automatico non scatta quando dovrebbe e lascia che una condizione di sovracorrente persista, danneggiando le apparecchiature o causando un incendio.

Per questo motivo, è importante avere una conoscenza di base del funzionamento delle curve degli interruttori miniaturizzati prima di effettuare una scelta. Considerate questi suggerimenti:

Curva MCB per circuiti ad alta corrente

Quando si scelgono i tipi di curva MCB per i circuiti ad alta corrente, uno dei fattori più importanti da considerare è il tempo di intervento e la tolleranza alla corrente di spunto. Infatti, la corrente di spunto può causare l'intervento di alcuni MCB e non di altri.

Per evitare questa situazione, è necessario scegliere un MCB con una curva in grado di gestire la corrente di spunto del carico senza intervenire. In questo caso, la scelta migliore sarebbe un MCB con curva di tipo K o D.

Curva MCB per circuiti a bassa corrente

Per i circuiti a bassa energia, il fattore più importante da considerare è la sensibilità alla corrente di cortocircuito. Per questi circuiti, un'elevata sensibilità proteggerà adeguatamente dalle condizioni di sovracorrente prima che si verifichino danni.

Per ottenere questo risultato, in genere si sceglie una curva di tipo B. Tuttavia, se l'applicazione è particolarmente sensibile, una curva di tipo Z può essere la scelta migliore.

Conclusione

In conclusione, gli acquirenti devono comprendere le caratteristiche di intervento degli MCB quando acquistano interruttori miniaturizzati per diverse applicazioni. Infatti, queste mostrano il comportamento di specifici interruttori in diverse condizioni. Una scelta errata può comportare una protezione inadeguata del circuito e pericoli che potrebbero causare danni ai cavi, agli apparecchi e ad altre apparecchiature. Inoltre, potrebbe causare un inutile intervento dell'interruttore a causa di una corrente nominale errata.

Risorsa correlata

Catalogo degli interruttori automatici di trasferimento IGOYE

Scarica ora il catalogo

catalogo inverter

Indice dei contenuti
Categoria

Richiedi un preventivo gratuito

it_ITItaliano